colori e calorie

psico & food & psico

La prova costume per quest’anno se n’è andata; bene o male, chi se lo ricorda? Secondo i Maya non dovremo preoccuparcene più, eppure, il desiderio di non nascondere un omino Michelin sotto il maglione, mi assedia. Allora provo con le regole dello psico food. O food per psicopatiche(?).
Basta con i programmi panciapiatta sederesodo; poche semplici regole, le solite facili da leggere, difficili da seguire:

– bastano piatti più piccoli per fare, senza accorgersene, porzioni più piccole (non è che così ci scappa un bis?)
– i piatti che contrastano con il colore dei cibi fanno apparire le porzioni più grandi (e il mio stomaco primordiale si accorderà con il cervello per saziarsi immaginariamente?)
– se il cibo non è diviso in porzioni, si mangia di più (ma si risparmiano gli imballaggi e l’ambiente ringrazia. Dilemma.)

Quindi con delle stoviglie nuove e colorate, tutto sarà più facile.

Ma se siete una donna, che preferisce spendere per uno stivale nuovo, o vivete in un mini con il pensile già straripante e il vostro confort food rientra nel campione statistico, basta questa semplice regola: la cioccolata fondente contrasta bene col bianco classico! E tiene alto l’ottimismo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...